Eventi

A Pimentel (CA) folta partecipazione all’incontro su “Tumore ovarico: presente e futuro”

Sala affollatissima all’incontro del 27 settembre organizzato per la popolazione di Pimentel e dedicato al ricordo di Luena Mirai, scomparsa nel 2016 per tumore ovarico.

Rispondendo all’accorato invito della signora  Maria Fois, madre di Luena, cosciente della necessità di informare il più possibile le donne su questa grave patologia,  Acto ha riunito alcuni clinici  esperti  di rilievo regionale, nazionale ed internazionale: Domenica Lorusso, Istituto Tumori di Milano, Antonio Macciò, chirurgo al Businco di Cagliari, ed Elena Massa, Università di Cagliari/Policlinico Monserrato.

Davanti a una platea attentissima ed emotivamente coinvolta, e alla presenza del sindaco di Pimentel, Alessandra  Marongiu, e del Direttore dell’ASSL Cagliari, Prof. Minerba, ai momenti di informazione scientifica si sono alternati momenti di grande emozione nel ricordo di Luena, nelle testimonianze di pazienti e familiari mentre Acto ha raccontato al pubblico l’attività di sensibilizzazione e servizi alle pazienti che sono il cuore della missione dell’Associazione.

Dalle parole  dei tre clinici, che hanno illustrato epidemiologia e prevenzione, terapia medica e chirurgia e le nuove opportunità di cura, sono emerse alcune indicazioni fondamentali:

  • è importante rivolgersi ai centri di cura specializzati che garantiscono un approccio multidisciplinare alla patologia
  • per il tumore ovarico non esistono metodi di screening, l’unica possibilità di fare prevenzione primaria è per le familiari di donne portatrici di mutazione BRCA, responsabile del 15/25% dei tumori ovarici
  • con le nuove terapie, il tumore ovarico, seppur non guaribile, è curabile ed è possibile cronicizzarlo regalando più vita alle pazienti.
  • Le nuove tecniche chirurgiche mini invasive permettono di asportare il tumore preservando l’immagine corporea della paziente e permettendole di abbreviare la degenza per tornare più velocemente nell’ambito familiare

Grande emozione anche durante  l’intervento di “Mai più sole” – progetto della Fondazione Taccia – nel quale tre pazienti hanno raccontato con grande energia e simpatia come sia possibile migliorare la qualità di vita delle pazienti con la condivisione, la solidarietà e con il lavoro di squadra.

In conclusione, la testimonianza di Maria Fois,  ispiratrice dell’incontro, nota in Sardegna come “la signora dei tulipani per aver piantato in memoria di Luena migliaia di bulbi di tulipani. Maria ha raccontato come questa attività, i cui proventi sono destinati a scopo benefico,  le permetta di continuare a vivere sopportando la dolorosissima perdita della figlia.

 

Partner: