ACTO Piemonte

Alice Tudisco, Presidente Acto Piemonte

Cari amiche, amici e sostenitori,

come ex paziente e presidente di Acto Piemonte posso dire che sono molte le cose che uniscono tutte le donne colpite da tumore ovarico: a quasi tutte la neoplasia viene diagnosticata all'improvviso e in urgenza, spesso dopo vari trattamenti ed approcci errati, e questo impedisce ad ognuna di noi di aver chiara la situazione, di potersi confrontare e affrontare i mille dubbi che nascono tra sconcerto e confusione.

Da questa consapevolezza è nata la mia idea di costituire anche in Piemonte Acto - Alleanza contro il Tumore Ovarico già presente a Milano, Roma e Bari, una realtà associativa con cui sostenere pazienti e familiari nella terra in cui vivo e lavoro e dove ogni anno si contano più di 400 nuovi casi di tumore ovarico.

La mia idea ha trovato l’appoggio entusiasta di un gruppo di ginecologi e di pazienti ed oggi, attraverso l’associazione e con il sostegno di un comitato scientifico che ci aiuta a diffondere informazioni corrette su questa malattia così grave e silente, intendiamo  condividere con energia il percorso della paziente in tutte le sue fasi e con tutte le sue paure.

Acto Piemonte vuole essere il punto di riferimento per chi riceve una diagnosi di tumore ovarico ma anche per chi ha una predisposizione genetica nello sviluppare questa patologia. Acto Piemonte vuole essere una risposta per chi improvvisamente si trova di fronte alla malattia ma anche per chi affronta una menopausa precoce in età fertile con tutte le implicazioni su salute, maternità e sessualità.

Conoscere la malattia, sostenere la ricerca scientifica e, soprattutto, non essere sole contro la malattia è fondamentale per riconoscere precocemente il tumore e affrontarlo al meglio.

Come Presidente spero di riuscire a rappresentare pienamente i nostri obiettivi nella realizzazione del supporto alle pazienti.    

 


Elisa Picardo, Vice Presidente Acto Piemonte

Per anni è stato un argomento poco valorizzato. Del cancro all’ovaio c’era poco da dire.

Persino le lezioni di medicina erano limitate: scarsa presenza di sintomi, assenza di test di screening ( come pap test e mammografia, rispettivamente nei cancri cervicali e mammari), diagnosi tardiva con l’80% delle diagnosi in fase avanzata, per non parlare delle terapie, anch’esse limitate. Nel corso degli studi universitari mi sono avvicinata a questa patologia e le donne malate mi hanno spinta ad interessarmene sempre di più... donne che all’improvviso si ritrovavano a gestire una diagnosi catastrofica ...  a rinunciare, in un secondo, al loro essere donne per affrontare un intervento demolitivo e con altrettanta tenacia accettare di sottoporsi a terapie mediche aggressive in grado di modificare non solo il loro modo di vivere ma anche il loro aspetto esteriore (il dimagrimento, l’alopecia, la fatigue). Non mi bastava stare a guardare, studiare mi ha aiutato a capire meglio come combattere gli effetti collaterali  e fornire le migliori cure...ma il mio concetto di essere medico è prendersi cura della persona che si ha di fronte... cercare di curare i sintomi non solo fisici ma anche psichici, fornire le giuste informazioni per conoscere in modo appropriato la malattia e il suo evolversi.

Ho scelto di fondare Acto Piemonte perché credo che solo l’unione fra sanitari e pazienti possa permettere di vincere il tumore ovarico!Penso sia fondamentale spingere le donne ai controlli annuali, al non aspettare di “ stare male” per andare dal ginecologo,  Parlare del tumore ovarico potrà influenzare il futuro della donna: questo silenzioso tumore se scoperto in epoca precoce può essere trattato al meglio attraverso una chirurgia estensiva ed una terapia medica in grado di migliorare significativamente la prognosi della paziente.

Spero che Acto Piemonte raggiunga le donne del nostro territorio e possa aiutare le malate a non sentirsi sole nel cammino; spero inoltre che Acto Piemonte possa invogliare tutte le altre donne a volersi bene e controllarsi!

«Conoscenza è potere» questo il messaggio che vogliamo dare!

 

Partner: